Rss Feed
  1. Cous Cous Time كسكس

    venerdì 5 luglio 2013



    Mettiamo momentaneamente da parte i dolci (ho detto momentaneamente, qualcosa bolle in pentola...) e torniamo a parlare di cibi sani. Due settimane fa si è svolto al Porto Antico di Genova il Suq, il festival delle culture. L'atmosfera era magica, all'interno del Piazzale delle Feste c'era un intricato labirinto di bazar e stand gastronomici  provenienti da ogni parte del mondo, musica, persone... Un caos! :)

    Abbiamo assaggiato moltissime specialità, su tutte prevaleva il cous cous, cucinato in mille modi diversi a seconda delle diverse tradizioni. E poi, era moltissimo tempo che desideravo un tajine, così, visto che guarda caso c'era una "botteghina" di ceramiche tunisine, me lo sono fatto regalare! Ancora non sono riuscita ad usarlo, molto presto lo farò, prometto. Per il momento ci siamo deliziati con un esperimento proprio sul cous cous, che d'estate è uno di quei piatti di cui non possiamo fare a meno. È pratico, veloce e si presta ad essere arricchito con mille ingredienti diversi. Questa volta ho provato (saranno gli strascichi dell'insalata Orient Express...) a buttarmi sull'abbinamento dolce/salato con una punta di spezie, cercando di mettere in pratica delle preziose informazioni trovate sull'ultima nuova entrata della mia libreria. Il libro si intitola " La Grammatica Dei Sapori" ed è un eccellente compagno di avventure se vi piace sperimentare particolari abbinamenti. 




    La "dritta" a cui ho fatto riferimento si trova nel capitolo dedicato agli abbinamenti dei semi di coriandolo, di cui ho scoperto essere dipendente. L'autrice Niki Segnit scrive che la gastronomia Ottolenghi a Londra propone un insalata di cous cous in cui abbina i mirtilli neri ai semi di coriandolo, insieme a peperone, cipolla rossa e grani di pepe rosa. Non sono riuscita a trovare nessun altro riferimento a questa ricetta, perciò non me ne voglia il signor Ottolenghi, ma ho provato a replicarla con le poche informazioni che avevo. Ora, se c'è qualcuno nella blogosfera che abbia avuto la fortuna di mangiare l'insalata originale si faccia vivo, nel frattempo per chi vuole provare la mia, posso dire che vi sorprenderà ad ogni boccone, e assolutamente in positivo!


    COUS COUS OTTOLENGHI STYLE

    ingredienti per 2 persone:

    160 g di cous cous il Molino Chiavazza
    160 ml acqua
    un cucchiaio di olio extravergine
    1 peperone giallo
    70 g di mirtilli neri
    1/2 cipolla rossa
    un cucchiaino di semi di coriandolo
    un cucchiaino di bacche di pepe rosa
    sale 

    Procedimento davvero velocissimo. Lavare e pulire il peperone, e tagliarlo a cubetti piccoli (tipo concassè), affettare la cipolla  sottilmente. Mettele l'acqua in una pentola salare, appena bolle versarvi il cous cous e spegnere subito il fuoco. Condire con l'olio extravergine, e sgranare velocemente con una forchetta. Lasciare che il cous cous assorba tutta l'acqua continuando a rigirare con la forchetta. Unirvi poi il peperone i mirtilli i semi di coriandolo leggermente schiacciati e il pepe rosa. Regolare di sale e olio. 















    |


  2. 2 commenti:

    1. An Lullaby ha detto...

      Molto particolare e senz'altro molto bello da guardare!!

    Posta un commento

    Grazie per essere passato! Lascia un commento anche tu!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001